Iniziata a Hyeres la ISAF World Cup

Primio giorno di regate domenica 25 a Hyeres per il circuito di World Cup delle Classi Olimpiche; nutrita partecipazione italiana e subito buoni risultati con un buon inizio anche per Silvia Zennaro, la velista chioggiotta e del CNC già olimpionica a Rio de Janeiro e nuovamente in corsa per la qualificazione olimpica per Tokyo 2020. Il primo giorno a Hyeres regala un buon vento tra gli 8 e i 12 nodi che permette a tutte le classi di completare il programma giornaliero, 3 prove per skiff, cat e tavole, 2 prove per tutte le altre classi. Subito molto bene gli azzurri della tavola maschile con Mattia Camboni (10 – 1 – 3) al 2° posto della classifica e la conferma della rivelazione di Palma, Carlo Ciabatti (11 – 3 – 6) al 5° posto; bene anche Veronica Fanciulli nel femminile, per lei 5 – 3 – 19 che valgono il 3° posto in classifica, soffrono nella prima giornata Daniele Benedetti e Marta Maggetti. Negli skiff Crivelli Visconti – Togni sono gli unici rappresentanti nel maschile, per loro una giornata altalenante con un buon 6 ad intervallare due piazzamenti modesti attorno alla ventesima posizione, stesso andamento nel femminile dove Raggio – Bergamaschi ottengono 17 – 3 – 15. Nel Nacra 17 bene Tita – Banti, 15 – 6 – 4 e 5° posto in classifica, nel doppio 470 Ferrari – Calabrò si piazzano all’11° posto della classifica di giornata con 17 – 9 mentre nel femminile sono ottime Berta – Carraro che aprono con una vittoria e poi ottengono un 6° posto che valgono il 3° posto in classifica provvisoria. Veniamo ai singoli, bene Antonio Squizzato nel 2.4 (3 – 3) 3° in classifica, buona prima prova per Filippo Baldassari nei Finn (3 – 20) che chiude la giornata al 10° posto, ottimo Francesco Marrai nel Laser Standard (14 – 4 e 4° posto in classifica) nella giornata del cipriota Pavlos Kontides (1 – 1) mentre Giovanni Coccoluto apre subito con una bandiera nera. Laser Radial, brava e regolare Silvia Zennaro che ottiene 10 – 11 e si attesta al 6° posto della classifica provvisoria, decisamente più indietro le altre azzurre che brillano solo con un 8° nella seconda prova di Joyce Floridia; vertice della classifica come sempre zeppo di nomi “buoni”, è la belga Evi Van Acker (3 – 1) in testa dopo il primo giorno, seguita dalla lituana Victorija Andrulyte (7 – 5) che conferma l’ottima impressione di Palma di Maiorca, poi l’ungherese Maria Erdi (5 – 9), la francese Mathilde De Kerangat (17 – 3) e la finlandese Tuula Tenkanen (1 – 20), dietro a Silvia ancora ottimi nomi, la belga Emma Plasschaert, la finlandese Monika Mikkola apparsa in gran forma a Palma, l’inglese Alison Young, campionessa mondiale in carica, è 13^, giusto davanti alla sorprendente vincitrice di Palma, la cinese Zhang Dongshuangmentre l’altrettanto sorprendente vincitrice di Miami, prima prova di World Cup, la greca Vasileia Karachaliou è 19^ (36 – 4); per molte veliste risultati altalenanti per cui la regolarità di Silvia per il momento ha pagato bene, forza Silvia!!!  

Laser, interzonale Lignano

Dopo lo stage tecnico di Pasqua sul Lago di Garda (gli atleti Giulio Borsatti, Nicole Santinato, Lorenzo e Gabriele Gavassini e Maria Sole Tiengo con

Read More »

Dal Match Race al Dinghy

Con il terzo incontro di martedì 23 Marzo si sono concluse le serate on line che il Circolo Nautico Chioggia ha dedicato all’approfondimento del Match

Read More »