E’ Matteo Miceli l’ospite di ChioggiaVela 2017

E’ il velista romano classe 1970, Matteo Miceli, l’ospite della serata di Chioggiavela 2017; l’incontro si terrà in Auditorium San Nicolò venerdì 22 settembre alle ore 21.00 e rappresenta il sesto appuntamento offerto da Chioggiavela con un “grande” della vela dopo l’accoppiata Enrico Zennaro – Dario Malgarise del 2012, Andrea Mura del 2013, Berti Bruss del 2014, Alberto Bolzan del 2015 e l’olimpionica locale Silvia Zennaro ospite e madrina dell’edizione 2016. Matteo Miceli è asceso alle cronache nazionali e internazionali per le sue imprese che lo hanno portato ad essere votato come il Velista dell’anno nel 2008, ma viene da una lunga storia personale di vela e di mare; comincia giovanissimo con il Flying Junior ma a 9 anni scopre il windsurf e una passione per le sperimentazioni con vetroresine e carbonio che lo avvia verso una carriera imprenditoriale nei Cantieri d’Este di Fiumicino. La prima grande impresa sul piano sportivo è del 2005 assieme ad Andrea Gancia, traversata atlantica e record mondiale con Biondina Nera, un catamarano di 20 piedi non abitabile autocostruito, nel 2007 ripete l’impresa in solitaria ottenendo un nuovo record: dalle Canarie a Guadalupa in poco meno di 15 giorni ed è l’impresa che gli vale il premio Velista dell’anno. A 37 anni l’idea di una nuova sfida, un giro del mondo in solitaria senza scalo e senza assistenza con Roma come porto di partenza e di arrivo; prima di partire l’impresa si arricchisce di nuovi contenuti fino a divenire un vero e proprio giro del mondo “eco”, in totale autonomia energetica ed alimentare, con tanto di orto e galline a bordo, la Bionda e la Mora. Parte da Roma in ottobre 2014 con il monoscafo Eco 40 e 28 mila miglia davanti a sé, ne percorre circa 25 mila, ma quando era quasi alla fine, a 3600 miglia da Roma, la sua imbarcazione si è capovolta poco a nord dell’Equatore nell’Oceano Atlantico.; le autorità marittime brasiliane hanno dirottato il mercantile Aranon a prestargli soccorso, lo hanno trovato su una zattera di salvataggio in buone condizioni di salute, la Bionda e la Mora invece non ce l’hanno fatta, sono annegate. “Cosa è successo? Non lo so, ho sentito un botto, forse una balena poi la barca si è capovolta, sono uscito dall’oblò di poppa per aprire l’autogonfiabile e recuperare un po’ di materiale di sopravvivenza” ma tutto il resto ce lo racconterà Matteo venerdì 22 settembre, con la sua voce, con i suoi filmati. Non mancate!!! 

Laser, interzonale Lignano

Dopo lo stage tecnico di Pasqua sul Lago di Garda (gli atleti Giulio Borsatti, Nicole Santinato, Lorenzo e Gabriele Gavassini e Maria Sole Tiengo con

Read More »

Dal Match Race al Dinghy

Con il terzo incontro di martedì 23 Marzo si sono concluse le serate on line che il Circolo Nautico Chioggia ha dedicato all’approfondimento del Match

Read More »