Classi Veliche: il Dinghy

Cominciamo con i primi mesi dell’anno nuovo una panoramica sulle classi veliche presenti a Chioggia e la cui attività è sostenuta dal Circolo Nautico Chioggia, l’obiettivo è quello di dare una maggiore visibilità ad alcune classi spesso poco conosciute al “grande pubblico” o comunque conosciute, ammirate ma mai provate; in questo senso la nostra rassegna cercherà anche di fornire dei riferimenti per avvicinare queste classi veliche e magari fare anche delle prove pratiche che potrebbero essere “fatali”, infatti per chi non è mai salito su una deriva, l’emozione di un contatto più stretto con gli elementi naturali e la tensione agonistica di una regata in monotipo risultano spesso decisivi per il “grande salto”. Benvenuti quindi a bordo e cominciamo naturalmente questa panoramica dalla barca più antica, il Dinghy 12’, un singolo tanto storico quanto ancora meravigliosamente in auge.

Nel 1913 l’inglese George Cockshott partecipò e vinse il concorso indetto dall’IYRU per la progettazione di una deriva che unificasse i vari modelli di tender con i quali gli armatori dei grandi yachts si sfidavano in appassionanti regate nei porti del nord Europa; queste imbarcazioni si assomigliavano tutte, fasciame sovrapposto (clinker), panche per vogare, poppa a specchio e vela al terzo. Cockshott riuscì a riunire in una sola barca monotipo queste caratteristiche e nacque il Dinghy 12’ non molto diverso da quello che conosciamo oggi e che conobbe subito un grande successo. Nel 1919 il Dinghy divenne la prima International Class, nel 1920 e nel 1928 venne scelto come singolo alle Olimpiadi di Anversa e Amsterdam, nel 1929 inizia la sua produzione in Italia e nel 1931 si tiene il primo Campionato Italiano a Zara con la vittoria del triestino Silvio Treleani su ITA – 13 EOLETTO. Da quell’anno il Campionato Italiano della Classe fu regolarmente disputato ogni anno con l’iscrizione nell’albo d’oro di nomi storici della vela italiana: Guido PostiglioneNino CosentinoAdelchi PelaschierLivio SpangheroPiero ReggioAugusto Gaibisso e tanti altri, ma solo nel 1969 venne fondata finalmente una Associazione di Classe che cominciò a unificare le regole e riunire i regatanti dando alla Classe un impulso e uno sviluppo continuo. Fino alla prima metà degli anni ’90 il Campionato Italiano ha avuto partecipazioni medie tra le 20 e le 30 imbarcazioni con grande diffusione soprattutto nella zona ligure, dei laghi di Como e Garda e, nella costa adriatica, a Chioggia dove nel 1968 nasce il Trofeo dell’Adriatico e nel 1969 viene organizzato il Campionato Italiano con lo storico 3° posto del locale Egidio Zambonin. Da quell’anno i timonieri chioggiotti saranno protagonisti della storia del Dinghy con Dino Ravagnan (3° nel 1971 a Malcesine, 2° nel 1974 e nel 1975 sempre a Malcesine, 3° nel 1977 a Lend, 3° nel 1978 a Chioggia), con Ezio Donaggio (3° nel 1983 a Noti, campione nel 1993 a Lerici e 2° nel 1994 a Monfalcone), con Roberto Ballarin (2° nel 1985 a Mandello Lario, 2° nel 1986 a Lerici, 3° nel 1987 ad Andora), da segnalare le fantastiche triplette dei campionati di Chioggia nel 1984 (titolo a Piero Ravagnan e podio per Gianni Rossetti ed Ezio Donaggio) e nel 1988 (titolo ad Egidio Zambonin e podio per Gianni Rossetti ed Ezio Donaggio).

Dal 1995 l’attività della Classe Dinghy “esplode” letteralmente, la partecipazione ai Campionati Italiani si attesta tra le 40 e le 60 unità con edizioni che sfiorano le 100 imbarcazioni (92 barche nel 2008 a Maccagno e 89 nel 2010 a Bracciano), una ranking list nazionale di quasi 250 timonieri attivi, due circuiti nazionali, uno per il Dinghy Classico e uno, Coppa Italia, per il Dinghy Moderno, un grande numero di regate nazionali, zonali, locali e persino circuiti invernali in praticamente tutto il territorio nazionale. Ai vecchi nomi di Egidio Zambonin ed Ezio Donaggio(ancora protagonisti nel 1997 a Napoli con il 3° posto di Egidio e nel 1998 a Gargnano con il 3° posto di Ezio) si affiancano quelli dei nuovi più giovani timonieri, Fabrizio Brazzo (vincitore della World Cup a Venezia nel 2011) e Massimo Schiavon (2° a Monfalcone nel 2016) che contribuiscono a tenere ancora alto il prestigio dei timonieri CNC in questa Classe.

Il Circolo Nautico Chioggia organizza per la Classe Dinghy il Trofeo dell’Adriatico dalla prima edizione del 1968 e che quindi nel 2017 celebrerà la 50^ edizione con l’assegnazione di una regata nazionale di Coppa Italia, la flotta del CNC è ancora numerosa e agguerrita (nel 2016 ha conquistato il 1° e 2° posto al Campionato Zonale), la flotta veneta è una delle più numerose in Italia e con grandi nomi  tra i quali anche il mitico Dodo Gorla, ogni anno si disputa in Zona un Campionato Zonale, un circuito Adriatico, un Campionato Invernale a Punta San Giuliano e un Campionato di Primavera al Lido di Venezia, per cui non mancano le occasioni  e i riferimenti tecnici di grandissimo livello. Il Dinghy oggi è la deriva preferita di chi cerca un approdo definitivo con la barca della propria maturità tecnica e agonistica.

Più informazioni sul sito nazionale della Classe www.dinghy.it e  www.dinghy12classico.it

Per contatti a Chioggia Roberto Ballarin ballarinroberto@hotmail.it

Per contatti in Zona Veneto Franco Penzo baioneta2134@gmail.com

Laser, interzonale Lignano

Dopo lo stage tecnico di Pasqua sul Lago di Garda (gli atleti Giulio Borsatti, Nicole Santinato, Lorenzo e Gabriele Gavassini e Maria Sole Tiengo con

Read More »

Dal Match Race al Dinghy

Con il terzo incontro di martedì 23 Marzo si sono concluse le serate on line che il Circolo Nautico Chioggia ha dedicato all’approfondimento del Match

Read More »